WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 52: A jug, Marche, mid 16th century

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

25 October 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Past Lot
  • A jug, Marche, mid 16th century
  • A jug, Marche, mid 16th century
  • A jug, Marche, mid 16th century
Looking for the realised and estimated price?

Description: Maiolica Altezza cm 28,2 Cadute di smalto, incrinature e restauri Provenienza: coll. J. Pierpont Morgan , Boccale di forma ventricosa, poggiante su base con accenno di piede, dotato di robusto manico a nastro e di bocca trilobata ad alta parete svasata. Sulla zona frontale, all’interno di un ampio medaglione circolare, delimitato da un largo festone di foglie e frutta, legato sui fianchi da nastri, campeggia uno stemma partito, di tipo feltresco, con aquila e bande, ornato ai lati con nastri. Dipinto in arancio, blu, giallo e verde. Un cartellino cartaceo, apposto sotto il piede, con l’indicazione “Collection Mr. J. Pierpont Morgan London”, fa riferimento alla prestigiosa collezione del finanziere e collezionista americano J. Pierpont Morgan, che fra la fine dell’ ‘800 e il 1913 aveva costituito una raccolta unica sia per qualità sia per quantità di opere nelle quali erano rappresentati tutti i generi artistici, dalla pittura alle arti applicate, ceramiche comprese1. L’osservazione delle caratteristiche di questo boccale, sia la struttura sia certi elementi decorativi complementari, richiamano quelle di alcune opere datate, quali due boccali, di minore altezza ma con scudo che include la stessa aquila feltresca, uno dei quali datato “1558”, attribuiti da Corrado Leonardi a officina durantina2. Ad officina durantina intorno al 1540, la Giacomotti ascrive un boccale del Museo di Sèvres, di fattura più raffinata e con araldica partita roveresca, di cui una parte corrisponde a quella del nostro boccale3. Tuttavia certe soluzioni accessorie allo scudo, quali le serpentine che discendono ai lati dello scudo stesso, il festone di foglie e frutta legato ai lati da nastri che si dispongono sui fianchi, sono soluzioni adottate contemporaneamente anche dalle officine di Deruta. 1RICCETTI 2010, pp. 35-55. 2LEONARDI 1982, pp. 68-69 fig. 52, p. 120 fig. 119. 3GIACOMOTTI 1974, n. 798.

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)