WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 75: A plate, Deruta, first half of the 16th century

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

25 October 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Sold
  • A plate, Deruta, first half of the 16th century
  • A plate, Deruta, first half of the 16th century
Looking for the realised and estimated price?

Description: Maiolica Diametro cm 25 Buono stato di conservazione Provenienza: già collezioni Rotschild e Damiron., Il piatto mostra ampia tesa ad orlo profilato e basso cavetto poggiante su cavetto apodo, con accenno di appoggio del piede a lieve incavo. All’interno di un medaglione centrale, delimitato da un giro di archetti, è raffigurato il busto di un personaggio di profilo, volto a destra, laureato e con clamide; sulla tesa si dispongono quattro larghi settori, delimitati da fasce ad embricazioni, che racchiudono “grottesche” e “occhi di penna di pavone”. Sul verso è dipinto un motivo “a corolla”, con sette larghi petali, laceolati e tratteggiati, alternati ad altrettanti petali cuspidati. Dipinto in arancio, blu, giallo e verde. Una articolata catena di prestigiosi passaggi collezionistici caratterizza la storia di questo piatto di raffinata fattura. Fu, ad esempio, nelle raccolte Rothschild e Damiron. Lo prova un efficacissimo disegno che lo illustra nel catalogo di quest’ultima, costituita da Charles Damiron, che si curò di tramandarne la fisionomia privata nel suo lavoro monografico “Majoliques Italiennes”, edito nel 19441. Questa pregevole testimonianza storiografica, va di pari passo col valore dell’originale. La sua osservazione diretta infatti consente di affermare che si tratta di un notevole saggio di primo ‘500 derutese, con un profilo virile classico, di singolare resa stilistica specie nell’allungamento orizzontale della barba puntuta, che conferisce un’acutezza quasi caricaturale al personaggio. Derutese è anche il repertorio complementare al medaglione, che sulla tesa propone settori regolari con “grottesche”, embricazioni e soprattutto “occhi di penna di pavone”, che nell’impianto stilizzato somigliano a delle larghe embricazioni: un esemplare con impostazione del tutto affine è nel Metropolitan Museum di New York (inv.n. 46. 85. 42). Non meno interessante è il verso dell’opera ornata del cosiddetto motivo a “petal-back”, cioè una corolla con petali tratteggiati, che richiama anche certe opere coeve di produzione senese (così, ad esempio, un piatto con stemma Sani della colle- zione Chigi Saracini di Siena)2. 1DAMIRON 1948, fig. n. 68. 2RAVANELLI GUIDOTTI 1992, pp. 76- 82, scheda 2. Bibliografia L’opera è pubblicata in: RAVANELLI GUIDOTTI 2016, p. 11, figg. 6 a-b.

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)