WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 45: A plate, Urbino, Guido di Merlino workshop, probably Francesco Duratino or a collaborator, circa 1545

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

25 October 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Sold
  • A plate, Urbino, Guido di Merlino workshop, probably Francesco Duratino or a collaborator, circa 1545
  • A plate, Urbino, Guido di Merlino workshop, probably Francesco Duratino or a collaborator, circa 1545
Looking for the realised and estimated price?

Description: Maiolica Diametro cm 23,1 buona conservazione Provenienza: coll. privata , Piatto con cavetto di media profondità, ampia tesa orizzontale e piede a disco appena accennato. Sul recto, a piena superficie, è istoriato il mito di “Giove e Leda”, ispirato al testo ovidiano (OVIDIO, Metamorfosi, VI, 108 e ss.). La scena fissa più momenti dell’incontro: in alto il dio è raffigurato prima della metamorfosi, su una cortina di nubi e con un fascio di fulmini nella sinistra; in basso, a sinistra, è raffigurata Leda nel momento in cui si unisce a Giove, mutato i cigno, ed infine sulla destra la stessa, mitica sposa di Tindareo, re di Sparta, seduta osserva tre delle quat- tro uova, da cui escono i gemelli Castore e Polluce, e Elena (o Clitennestra). Sul verso, al centro del cavo del piede, è tracciata in corsivo e in grigio-nerastro, la legenda “giove et leda” e più sotto una “.C.” racchiusa in una formella quadrangolare (b). Dipinto in piena policromia. Iconograficamente per la figura di Leda, dipinta ai lati della composizione maiolicata, il maestro si è ispirato alla figura di Psiche, sia quando dorme su un monte sia quando siede accanto ad una fonte, contenuta in una delle incisioni, raffiguranti episodi della serie della storia di Psiche, del Maestro del dado (c). Questo piatto inoltre rappresenta un ulteriore interessante documento relativo ad una serie, o servizio, i cui pezzi cono contrassegnati sul verso da una “.C.”, e spesso con le stesse caratteristiche tecniche dello smalto, che mostra, specie attorno al piede, ampi ritiri. Intendiamo un piatto nel Metropolitan Museum, di New York, su cui è raffigurata “La continenza di Scipione” 1, che Timothy Wilson assegna alla bottega di Guido di Merlino, probabilmente eseguito da un pittore in collaborazione con Francesco Durantino, mentre per la segnatura “.C.” lo studioso ipotizza essere o dell’esecutore o del committente, anche se la legenda mostra caratteri calligrafici peculiari al Durantino: gli stessi che riscontriamo anche nella breve legenda del nostro piatto e in quella di un terzo piatto della serie “.C.”, raffigurante “Davide e Golia”, oggi a Sévres 2. Della stessa serie, va segnalato inoltre un quarto piatto, raffigurante “Venere tra divinità marine”, sul cui retro la legenda relativa al soggetto, “Venera”, è sottoscritta dalla stessa iniziale “.C.”: opera stilisticamente molto vicina a questa in esame 3 (d). 1WILSON 2004, pp. 126- 128, figg. 30- 31. 2GIACOMOTTI 1974, n. 1144. 3DREY 1991, p. 52, figg. 12 e 13. Segnaliamo inoltre affinità stilistiche con un piatto al British Museum, raffigurante le truppe di Scipione lasciano Cartagine, con una legenda di mano di Francesco Durantino, chiusa da una “L.”, entro riquadratura (THORNTON- WILSON 2009, scheda185, pp. 314-316). Bibliografia L’opera è pubblicata in: CHRISTIE’S 1983, 3 October, lot. N.228.

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)