WELCOME TO INVALUABLE
Be the first to know about
the latest online auctions.
Please enter a valid email address (name@host.com)
Sign Up »
PS: We value your privacy
Thank you!
 
 
Want to learn more
about online auctions?
Take a Quick Tour »
 
Invaluable cannot guarantee the accuracy of translations through Google Translate and disclaims any responsibility for inaccurate translations.
Show translation options

Lot 55: An albarello vase, Casteldurante, mid 16th century

Majolica

by Cambi Casa d'Aste

25 October 2016

Genoa, GE, Italy

Live Auction
Sold
  • An albarello vase, Casteldurante, mid 16th century
  • An albarello vase, Casteldurante, mid 16th century
  • An albarello vase, Casteldurante, mid 16th century
Looking for the realised and estimated price?

Description: Maiolica Altezza cm 28,2 lievi incrinature e base con riparazione visibile. Provenienza: collezione privata, Albarello a corpo cilindrico, leggermente rastremato nella zona mediana, con base carenata e spalla che chiude su una bocca ampia ad orlo leggermente estroflesso. Sulla parte anteriore è dipinto un medaglione circolare, delimitato da un festone, che racchiude un busto di donna con diadema e clamide annodata sulle spalle. Attorno sono dipinti dei “trofei” d’armi (scudi antropomorfi, elmo, spada, corazze, tamburi ecc.), e cornucopie. Orizzontalmente si dispone una lunga tabula con estremità ansate, su cui è tracciata l’indicazione farmaceutica “Sy. DESTICADOS. SI”. Tra spalla e colletto, e verso la base è dipinto un festone di derivazione “robbiana”. Dipinto in arancio, blu, giallo, mezza tinta e verde; minuti dettagli “graffiti” sul fondo blu. Quest’opera appartiene ad una raffinata serie farmaceutica caratterizzata da una sofisticata ri- cercatezza formale, basata sull’uso della mezza tinta, dalla ‘grisaille’ alla tonalità più calda pastello, che caratterizza le opere durantine di più aulica fattura sin dalla metà degli anni ’20 del ‘500, sempre ancorati ad un impianto rigorosamente simmetrico, come dimostra un piatto del Museo di Faenza1. Questo albarello tuttavia va posto cronologicamente attorno alla metà del secolo, all’interno di una notevole produzione specializzata in corredi farmaceutici, che nella veste decorativa raccoglie e mette a frutto l’esperienza maturata sui “trofei” e delle “grottesche” con figure fantastiche (arpie e mostra), ricavati guardando modelli incisori, costantemente a mezza tinta, con incastri a volumi larghi sviluppati alla metà del ‘500 dalla bottega di Ludovico e Angelo Picchi e, parafrasati ancora d negli anni ’60 da Simone da Colonnello “in Castel Durante”, la cui maniera (fig. c) si avverte anche nella fattura del busto incluso nel medaglione del nostro albarello (fig. d). La datazione si può ricavare dalle date certe di un piatto del “1549” del Louvre e degli albarelli a Ecouen e a Sèvres, ed altresì dal “1550”, di un altro albarello, già raccolta Pringsheim; e di una fiasca, già coll. marryat (Wilson 1996, scheda 144, pp 354-358) per altro riferimento in senso stilitico risegnala un albarello della donazione Cora nel Museo di Faenza 2. Lo sciroppo “de sticados si (mplex)”, indicato nel cartiglio, secondo il Melichio, che riprende il Me- sue, era prescritto per “ogni infirmità fredda, di nervi, e del cervello, come la paralisia, l’epilessia, il spamo, il tremore e la tortura” (MELICHIO 1660, p. 111). 1RAVANELLI GUIDOTTI 1990, scheda 116, pp. 210- 211. 2RAVANELLI GUIDOTTI 1990, scheda 118, pp. 213- 214.

Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
 
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)
Lot title
$0 (starting bid)